TRAINING AUTOGENO TRAINING AUTOGENO
 

 "Ninfee armonia in blu" (Claude Monet, 1914)

CHE COS'E' IL TRAINING AUTOGENO?

 

Il Training Autogeno è una tecnica di rilassamento psicofisiologica, sperimentata dal neurologo e psichiatra berlinese J.H. Schultz nel 1932 che la definì come " un metodo di autodistensione da concentrazione psichica ", utile per riuscire a produrre modificazioni a livello fisiologico e psichico in chi la pratica, agendo in un ottica psicosomatica.

 Il TA prevede esercizi strutturati, il cui utilizzo aiuta a ridurre lo stress, intervenendo sulle tensioni muscolari, e  migliorando la funzionalità degli apparati cardiocircolatorio, respiratorio e muscolare; aiuta inoltre a regolarizzare il ritmo sonno-veglia, poichè incide sul Sistema Reticolare deputato alla regolazione dei livelli di arausal (attivazione).

 La Finalità Generale del Training Autogeno -individuale o di gruppo- è quella di sperimentare stati di rilassamento via via sempre più profondi, in modo che ci si possa sentire sollevati dalle tensioni quotidiane e che si possa ripristinare e mantenere l'equilibrio dei processi e degli stati fisiologici e psicologici, ogni qual volta l'organismo rilevi segnali di sovra-attivazione quali: sensazione soggettiva di ansia, tensione e rigidità muscolare, aumento della frequenza cardiaca e respiratoria, affaticamento precoce, scarso controllo delle reazioni emotive, difficoltà di concentrazione/distraibilità, pensiero fisso negativo.

Tale obiettivo sarà raggiunto attraverso un approccio che includerà sia il livello corporeo (canali sensoriali, sistema muscolare, sistema cardiocircolatorio, sistema respiratorio), sia a livello mentale (processi immaginativi).

Ci si pone infatti, come obiettivo principale, far acquisire Tecniche di Concentrazione Passiva, così da sperimentare momenti di sosta e di riflessione, proponendo il rovesciamento totale di alcuni valori considerati positivi dal nostro Sistema Sociale -in particolare valori come attività e tensione- proponendo un vero e proprio de-condizionamento da essi. Il TA infatti, all'esaltazione dell'attività, oppone un ideale di passività che però, non coincide con abulia ma con un atteggiamento mentale  liberatorio di totale abbandono. E' proprio tale atteggiamento mentale liberatorio che nel TA viene denominato concentrazione passiva: annullati gli stimoli esterni, si ascoltano i messaggi interiori e le sensazioni fisiche!

 

 Vedi anche:

TRAINING AUTOGENO INDIVIDUALE O DI GRUPPO

 

PARTECIPA AL PROSSIMO GRUPPO IN PARTENZA A FEBBRAIO 2013

CONTATTA LA DOTT.SSA MAGNAFICO PER UN COLLOQUIO INFORMATIVO GRATUITO.

Login   |   Registrazione
 
Copyright (c) 2009 Dottoressa Magnafico P.I. 02469250597   |  Wizard  |  Condizioni d'Uso  |  Dichiarazione per la Privacy domenica 24 settembre 2017